Settore navale: Arrivano le chiatte elettriche a zero emissioni!

E’ stata creata la prima nave elettrica portaconteiner. Il mezzo sarà attivo fra i porti di Anversa, Amsterdam e Rotterdam, e sono due le caratteristiche che colpiscono: emissioni azzerato e nessun equipaggio.

A realizzare la chiatta elettrica è stata la ditta olandese Port Liner, che si è occupata di renderle adatte ai bassi ponti di Belgio e Paesi Bassi, per far in modo che diventino l’alternativa ecologica migliore al ben più inquinante trasporto terrestre.

Ad azionarle saranno delle batterie elettriche di 7 metri, ricaricate a terra da Eneco, azienda che fornisce energia rinnovabile. La presenza di personale a bordo sarà necessaria solo nei primi mesi, durante la fase di prova, per accertarsi che i mezzi siano davvero autonomi e non necessitino di personale.

La ditta, finanziata dai fondi europei e dai porti di interesse, promette la costruzione di circa 500 chiatte all’anno, in modo da rivoluzionare il settore del trasporto merci.

Per il momento le chiatte in azione saranno 5, lunghe 52 metri e larghe 6,7, con una capacità di 24 container da 7 metri per un peso totale di 425 tonnellate.

L’autonomia è di 15 ore, ma verrà successivamente implementata per raggiungere le 35 ore di guida autonoma che garantirà un risparmio di CO2 stimato intorno alle 18mila tonnellate annue. 

Le “Tesla dei canali”, come vengono chiamate per le loro caratteristiche, salperanno in agosto, portando con sé il futuro del trasporto merci e della sostenibilità ambientale.

(fonte: https://www.ecosost.it)

Rispondi