Australia: In arrivo la torre solare da record!

L’azienda  SolarReserve costruirà nell’Australia Meridionale una torre solare tra le più potenti al mondo. Una centrale solare termodinamica da 150 megawatt di potenza, che produrrà energia elettrica sufficiente a soddisfare la domanda di elettricità di 90mila famiglie.

La centrale solare, chiamata Aurora, sorgerà a 30 chilometri da Port Augusta, e costerà 650 milioni di dollari australiani.

L’impianto, costituito da un’unica torre circondata da oltre 12mila eliostati (specchi solari in grado di seguire il percorso del sole), sarà in grado di fornire circa 500 gigawattora (GWh) di elettricità l’anno. Il sistema inoltre sarà in grado di accumulare, tramite sali fusi, 1.100 megawattora, garantendo energia elettrica durante le ore serali (per circa 8 ore dopo il tramonto).

L’investimento creerà un totale di circa 700 posti di lavoro.

Non si tratta di un progetto unico al mondo e nemmeno del più grande. In Israele è in costruzione quella considerata come la torre solare più alta al mondo: 250 metri, 50.600 eliostati, disposti su una superficie di 3 chilometri quadrati che fornirà elettricità a 130mila abitazioni. Mentre è la California a detenere il record: l’Ivanpah solar electric generating system ha una potenza di 392 megawatt, 173.500 eliostati e un’altezza della torre solare di 137 metri.

Per quanto riguarda l’Italia, un impianto simile, è stato realizzato in provincia di Messina, dal Gruppo Magaldi, in collaborazione con l’ingegner Gennaro De Michele, l’Istituto di ricerche sulla combustione (Irc) del Cnr e il Dipartimento di ingegneria chimica, dei materiali e della produzione industriale dell’Università di Napoli Federico II. L’impianto vede la presenza di 700 eliostati che convogliano l’energia solare ad un singolo modulo della capacità di 2 MW. Si estende su una superficie totale di 2,25 ettari ed è in grado di produrre 500 KWh.

Vi propongo di seguito il video illustrativo del progetto australiano. Buona Visione!

(fonte: https://www.lifegate.it)

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi