Sicurezza sul lavoro: Un naso elettronico monitorerà la qualità dell’aria!

Il Politecnico di Milano ha brevettato un dispositivo elettronico indossabile in grado di monitorare la qualità dell’aria in ambienti a rischio come gli impianti di verniciatura.

Il naso elettronico invia segnali di allerta quando i contaminanti superano il livello di guardia, permettendo all’operatore di indossare adeguati sistemi di protezione o di allontanarsi in caso di pericolo per la salute.

Grazie al Bluetooth integrato, il dispositivo trasmette ad un’applicazione mobile i dati rilevati, rappresentando graficamente come la concentrazione di inquinanti varia durante il giorno e dando la possibilità, anche a posteriori, di verificare se i dispositivi di protezione erano indossati.

Il dispositivo consiste in un sensore che rileva i composti organici volatili (Voc) e gli ossidi di carbonio ed è in grado di individuare quelli che superano il livello accettabile per la salute umana.

I valori rilevati vengono quindi trasformati in tempo reale in un segnale feedback che attiva un sensore Led e una vibrazione, secondo una scala di tre livelli: l’accensione del Led verde indica che il dispositivo è in funzione; il Led giallo e una debole vibrazione indicano che il livello dei Voc aumenta e segnalano all’operatore di indossare la maschera protettiva; il Led rosso accompagnato da una forte vibrazione informa l’operatore che gli inquinanti nell’aria hanno raggiunto valori pericolosi.

Il dispositivo necessita di pochissima energia e può restare attivo per tutta la giornata lavorativa.

Il brevetto deriva da un progetto europeo del settimo Programma quadro all’interno della Innovating in safety and safe innovations.

Il progetto è stato sviluppato dal Dipartimento di Design del Politecnico di Milano in collaborazione con la Delft University of Technology e con la società italiana Comftech, grazie al finanziamento dell’Inail.

(fonte: http://www.repubblica.it)

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi